​Un vaccino per la presidenza

Trump: il vaccino disponibile fra 3-4 settimane

“Il vaccino contro il coronavirus arriverà nel giro di tre-quattro settimane, 100 milioni di dosi entro la fine dell’anno” sostiene Trump in un comizio. La smentita direttore dei Centers for Disease Control and Prevention: ci vorranno “dai sei ai nove mesi”. Biden: “mi fido dei vaccini, non del tycoon”


A cinquanta giorni dalle elezioni presidenziali, la battaglia per la Casa Bianca si gioca sempre più sul vaccino anti-Covid e soprattutto sulla sua tempistica. È lo stesso Trump che ha imposto il tema alla campagna elettorale giocandosi la carta di un vaccino prima delle elezioni, nonostante lo scetticismo degli esperti e i crescenti timori di pressioni a scapito della sicurezza e dell’efficacia. 

Trump va subito all’attacco, l’occasione è un town hall ‘president and people’ della Abc a Philadelphia con una ventina di elettori indecisi della Pennsylvania, uno degli stati in bilico: il coronavirus prima o poi “sparirà”, anche senza vaccino, grazie allo sviluppo di una “mentalità di gregge”, lapsus per ‘immunità di gregge” che richiede però il contagio di almeno il 70% della popolazione: quindi un numero enorme di morti, che in Usa sono quasi 200 mila, ci cui 1.293 nelle ultime 24 ore. Poi Trump alza l’asticella: la distribuzione dei vaccini inizierà “forse già a metà Ottobre”. Gli fa subito eco la portavoce, Kayleigh McEnany: “l’obiettivo è avere oltre 100 milioni di dosi entro la fine dell’anno”. 

Dati fantasiosi per chi lavora sul campo. Ci pensa il direttore dei Centers for Disease Control and Prevention (Cdc), l’agenzia federale per la tutela della salute, Robert Redfield a sconfessare queste scadenze. Testimoniando sotto giuramento al Congresso, Redfield ha detto che per la fine dell’anno un vaccino potrebbe essere disponibile, ma solo in quantità limitate mentre ci vorranno “dai sei ai nove mesi” per farlo assumere a tutti gli americani e tornare alla “vita normale” entro il terzo trimestre del 2021. Redfield ha contraddetto Trump anche sull’uso della mascherine, sostenendo che possono essere più efficaci di un vaccino. 

Di fronte alle domande degli elettrori Trump si è limitato a dire che: Redfield “si è sbagliato”, “ha capito male le domande”.

Le promesse di Trump sono state duramente condannate da Joe Biden, che in una conferenza stampa ha denunciato il fallimento del presidente nella gestione della pandemia, cosa che lo “squalifica totalmente” per la rielezione. Per poi scandire: “Mi fido dei vaccini, degli scienziati, ma non di Donald Trump e in questo momento, nemmeno il popolo americano può farlo”.

Fonte Rainews.it

Calendario Notizie

Settembre: 2020
L M M G V S D
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
282930