Borsa: l’Europa debole con Milano la peggiore, lente su Fed

Le Borse europee si muovono fiacche
mentre i future su Wall Street sono contrastati. La lente dei
listini è sulla Fed mercoledì. Il mercato scommette su una
conferma dei tassi in scia al dinamismo che continua ad esibire
l’economia americana. L’indice d’area del Vecchio Continente è piatto con
l’immobiliare sotto vendita mentre il tribunale di Hong Kong ha
disposto l’ordine di liquidazione di Evergrande.
    Milano è la maglia nera (Ftse Mib -0,74% a 30.155 punti) con
Interpump e Fineco (entrambe -5,1%) sotto vendita. Sempre in
acquisto Saipem ed Eni (+1,6 per entrambe). Lo spread tra Btp e
Bund è stabile e sfiora i 151 punti mentre il rendimento del
decennale risale al 3,75%.
    Tra le altre Piazze Francoforte cede lo 0,4% con Bayer (-5%)
pesante per l’ennesima grana dovuta al diserbante Roundup. Sale
invece Prosieben (+6%) che Barclays ha portato a ‘overwight.
    Parigi è piatta e Londra resta leggermente positiva (+0,18%).
    Tra i grandi gruppi da segnalare Holcim di buon passo (+4%) sullo spin-off in Nord America e la relativa quotazione. Ma
anche l’olandese Philips (-7%) che invece paga lo stop alle vendite di dispositivi e ventilatori per l’apnea notturna negli
Usa dopo un accordo con la Fda sulle apparecchiature difettose.
    Sul fronte delle commodity, il gas – complice il contesto
geopolitico – è a ridosso dei 29 euro. Il petrolio è poco mosso
con il wti sopra 78 dollari al barile e il brent che tiene
ampiamente gli 83 dollari al barile.
    Per i cambi l’euro è sempre debole sul dollaro con cui scambia a
1,0823.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Fonte Ansa.it

Calendario Notizie

Febbraio 2024
L M M G V S D
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
26272829