Brexit: Gb, progressi in negoziati ma ancora non ci siamo

(ANSA) – LONDRA, 12 NOV – I negoziati fra governo
britannico e Ue sulle relazioni future post Brexit proseguiranno “intensamente” nei prossimi giorni per cercare di scongiurare in
extremis l’epilogo di un ‘no deal entro’ la fine del periodo di
transizione fissata per il 31 dicembre. Lo ha detto oggi alla
Camera dei Comuni il ministro Michael Gove, che sovrintende al
dossier per conto del premier conservatore Boris Johnson,
precisando che nei colloqui in corso questa settimana a Londra
fra i team guidati da Michel Barnier e da lord David Frost “vi
sono stati progressi”, ma anche che “rimangono divergenze” da
risolvere su alcuni punti nodali.
    “Il Regno Unito resta impegnato a negoziare un accordo di
libero scambio e il team negoziale capeggiato da lord Frost
continuerà a lavorare duro per trovare soluzioni che ovviamente
rispettino in pieno la nostra riconquistata sovranità”, ha
aggiunto Gove, incalzato dalle contestazioni dell’opposizione
(laburisti, indipendentisti scozzesi, liberaldemocratici) sui
rischi economici e commerciali di un eventuale no deal, tanto
più nel pieno dei contraccolpi dell’emergenza Covid.
    Bruxelles ha fissato per il 19 la data di un Consiglio
Europeo che potrebbe rappresentare la scadenza limite per
annunciare una svolta o un fallimento definitivo delle
trattative, dati i tempi necessari alle successive ratifiche
parlamentari. I nodi da sciogliere restano quelli sui diritti di
pesca nelle acque britanniche; sull’adeguamento normativo
automatico a una serie di regole europee (che l’Ue pretende. ma
Londra rifiuta) su temi quali le tutele ambientali e lavorative
o gli aiuti di Stato nell’ambito del cosiddetto ‘level playing
field’, a garanzia di una concorrenza leale; e
sull’individuazione di un organo giudiziario o arbitrale neutro
per la risoluzione di future dispute bilaterali. (ANSA).
   

Fonte Ansa.it

Calendario Notizie

Dicembre 2022
L M M G V S D
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031