Champions, è super Lazio: netto 3-1 al Borussia Dortmund

Fase a gironi

Inizia nel migliore dei modi l’avventura europea per i biancocelesti di Simone Inzaghi che all’Olimpico battono i gialloneri tedeschi con un secco 3-1: a segno Immobile, poi autogol del portiere Hitz, accorcia le distanze Haaland e nel finale chiude Akpa Akpro. Romani in testa al girone F assieme al Bruges, che a sorpresa, vince in casa dello Zenit San Pietroburgo (1-2). E mercoledì 28 romani impegnati in trasferta proprio in Belgio


Inizia nel migliore dei modi l’avventura in Champions League per la Lazio che all’Olimpico batte con un netto 3-1 il Borussia Dortmund, l’avversaria più forte del girone. In precedenza, nell’altro march del gruppo F, a sorpresa c’era stato il successo esterno del Bruges in Russia, in casa dello Zenit San Pietroburgo: 1-2, con gol decisivo di de Ketelaere al 93’. E mercoledì prossimo la squadra di Inzaghi sarà impegnata proprio in Belgio, in una sfida che vale già il primato.   
 
Dopo 13 anni la Lazio torna a rivivere le notti e la musichetta della manifestazione più importante d’Europa per club. Formazione confermata per Simone Inzaghi: c’è Lucas Leiva, Immobile e Correa in attacco, mentre  sulla fascia sinistra gioca Fares. Nel Dortmund il portiere Burki non ce la fa, sostituito da Hitz. Haaland in avanti con Sancho. Biancocelesti in campo con il 3-5-2: Strakosha; Patric, Luiz Felipe, Acerbi; Marusic, Milinkovic-Savic, Leiva, Luis Alberto, Fares; Immobile, Correa; i tedeschi rispondono col 3-4-1-2: Hitz; Piszczek, Hummels, Delaney; Meunier, Bellingham, Witsel, Guerreiro; Reus; Sancho, Haaland. Non passano nemmeno 6’ e la Lazio è in vantaggio: Lucas Leiva recupera palla e serve Correa che trova in area Immobile, l’attaccante della Nazionale, stop di destro e tocco di sinistro, non lascia scampo ad Hitz. Match vivo, occasioni da una parte e dall’altra, ma gli uomini di Izaghi al 23’ trovano il raddoppio: corner tagliato di Luis Alberto, pallone sulla testa di Luis Felipe che, grazie alla deviazione prima di Hummels e poi a quella decisiva di Hitz, finisce in rete: 2-0. Reazione dei gialloneri al 28’, ma sul cross di Haaland, Meunier si divora il gol da ottima posizione. Lazio avanti con i temibilissimi calci d’angolo di Luis Alberto dalla sinistra.
 
Nella ripresa subito cambio nel Borussia: esce il 17enne Bellingham, dentro il più ‘esperto’ Reyna, classe 2002. I gialloneri, non senza difficoltà, provano ad aumentare i giri. Ci prova Haaland, ma Strakosha è attento (49’). Al 51’ Luis Felipe è costretto ad uscire, al suo posto entra Hoedt. Seconda sostituzione nel Dortmund con Brandt che subentra a Piszczek (65’). Bella azione tedesca al 67’ con Haaland che trova Guerreiro a rimorchio a centro area, palla alta. Doppio cambio per Izaghi che toglie l’acciaccato Milinkovic-Savic e Correa per far posto ad Akpa Akpro e Muriqi (67’). Al 71’ il Borussia accorcia le distanze: azione sulla destra di Reyna che mette un gran pallone per Haaland, che, con una bomba di sinistro infila il sette e batte Strakosha, è il 2-1. Per il 20enne attaccante norvegese è il nono gol in 7 partite della fase a gironi finora giocate. Nonostante le difficoltà, la Lazio in contropiede riesce a pungere ancora e trova il 3-1 con Akpa Akpro che anticipa tutti su assist di Immobile e supera per la terza volta Hitz (76’).  Finale di sofferenza, ultimi cambi: Reinier per Reus al 78’ nel Dortmund, Parolo e Caicedo dentro nella Lazio per Luis Alberto e Immobile (81’).  Il punteggio non cambia più, è festa Lazio.  

Fonte Rainews.it

Calendario Notizie

Dicembre: 2020
L M M G V S D
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031