Dal lavoro domestico 1% pil, famiglie spendono 14,3 miliardi

Nel 2022 colf e badanti regolari in
Italia erano poco meno di 900mila, con una riduzione rispetto al
2021 del -7,9% (-76.548 lavoratori): su un totale di 1,86
milioni di lavoratori domestici la quota dei lavoratori
irregolari era invece pari al 51,8%. E’ quanto emerge dal V
rapporto annuale sul lavoro domestico, promosso
dall’Osservatorio DOMINA secondo cui questo particolare settore,
pur avendo una produttività piuttosto bassa rispetto ad altri
settori economici, offre comunque un contributo positivo al Pil
italiano, pari all’1%.
    Nel 2022, secondo lo studio presentato oggi in Senato, la
spesa delle famiglie per il lavoro domestico è diminuita per la
prima volta, dopo l’aumento progressivo registrato dal 2017.
    Nello specifico, considerando gli 1,86 milioni di lavoratori
complessivi, la spesa delle famiglie raggiunge i 14,3 miliardi,
di cui 7,7 per le badanti e 6,6 per le colf.
    Si tratta di un settore caratterizzato da una forte presenza
straniera (69,5% del totale), soprattutto dell’Est Europa, e da
una prevalenza femminile (86,4%), anche se negli ultimi anni si
è registrato un
aumento sia degli uomini che della componente italiana.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Fonte Ansa.it

Calendario Notizie

Giugno 2024
L M M G V S D
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930