Fdi contro Schlein e Conte, neanche una parola sulle Foibe

Una “ignobile svista”. Un “silenzio
vergognoso” che mette il “dubbio” sulla loro posizione, “di
condanna o di comprensione?”. Dopo il Giorno del Ricordo tutto
lo stato maggiore di Fdi punta il dito contro Elly Schlein e
Giuseppe Conte che “non hanno trovato il tempo di dire neanche
una parola” sulle Foibe”.
    SI tratta di “un mutismo che appare come un censurabile
tentativo di sminuire una pagina terribile della nostra storia”,
dice il capogruppo alla Camera Tommaso Foti mentre il
responsabile organizzazione del partito, Giovanni Donzelli,
sottolinea che “anche se in ritardo possono rimediare oggi”.
    “Almeno su una cosa” la segretaria dem e il leader M5s “vanno
d’accordo”, ironizza il presidente dei senatori di Fratelli
d’Italia Lucio Malan, osservando che “entrambi si sono ben
guardati dall’esprimere parole di vicinanza verso i martiri dei
massacri, uccisi solo perché italiani in un eccidio che per
decenni è stato sottaciuto, occultato perché troppo imbarazzante
per chi politicamente aveva solidarizzato con gli assassini”.
    “Invece di fare gli esami del sangue agli alleati europei
della Meloni – aggiunge il capodelegazione al Parlamento di
Strasburgo Carlo Fidanza – la sinistra si dovrebbe preoccupare
della traiettoria che lei stessa sta prendendo”.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Fonte Ansa.it

Calendario Notizie

Marzo 2024
L M M G V S D
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031