Scoperti neuroni umani in vittima dell’eruzione del 79 d.C.

(ANSA) – NAPOLI, 03 OTT – Neuroni nel cervello vetrificato di
una vittima dell’eruzione del 79 d.C. che seppellì Ercolano,
Pompei e l’intera area vesuviana fino a 20 chilometri di
distanza dal vulcano. La straordinaria scoperta è contenuta in
uno studio condotto in collaborazione con il Parco Archeologico
di Ercolano dai ricercatori della Federico II, del
CEINGE-Biotecnologie Avanzate, delle Università Roma Tre e la
Statale di Milano e del CNR è stato pubblicato sulla prestigiosa
rivista PLOS ONE. La ricerca multidisciplinare – secondo i
ricercatori – potrà essere utile anche per la valutazione del
rischio vulcanico.
    Le ricerche in corso vanno nella direzione di una
ricostruzione a ritroso delle varie fasi dell’eruzione,
valutando i tempi di esposizione alle alte temperature e del
raffreddamento dei flussi, che hanno importanza non solo per
l’archeologia e la bioantropologia, ma anche per il rischio
vulcanico. Queste ed altre informazioni che verranno dagli studi
in corso potranno offrire importanti parametri per la gestione
delle emergenze nell’area vesuviana. (ANSA).
   

Fonte Ansa.it

Calendario Notizie

Agosto: 2022
L M M G V S D
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031