Un nuovo Call of Duty arriverà quest’anno

Nonostante l’immenso successo di Modern Warfare del 2019, sembra che la serie Call of Duty rimarrà fedele al suo programma di rilascio annuale. In una recente riunione dei soci, Activision ha confermato che un altro titolo del franchise sarebbe arrivato sugli scaffali nel 2020, anche se la società non sembra pensare che si avvicinerà al confronto con Modern Warfare.Activision Blizzard ha continuato affermando che la società non si aspetta che il gioco abbia un lancio così di successo quanto Modern Warfare. I rappresentanti hanno anche omesso il nome di chi svilupperà il gioco, il che è sembra quasi una sorpresa.
Certo,  Modern Warfare è stato il titolo di Call of Duty di maggior successo sull’attuale generazione di console, e aspettarsi che un nuovo gioco possa fare altrettanto ad un anno di distanza sarebbe generosamente ottimista. Detto questo, le previsioni di Activision Blizzard forniscono certamente una certa chiarezza su dove stia andando il franchising di Call of Duty. Non c’è dubbio che il gioco continuerà ad essere aggiornato con nuove stagioni competitive, Battle Pass, mappe e qualsiasi altra cosa la software house decida di aggiungere. Solo, non sarà facile, con queste premesse, convincere chi ha giocato a Modern Warfare e ne è rimasto folgorato, a spendere ulteriori 60 Euro per un gioco che già dalle premesse non sarà all’altezza del precedente.
I report hanno suggerito che il nuovo gioco si svolgerà nell’era della Guerra Fredda e potrebbe essere Black Ops 5, mentre altri hanno ipotizzato che potrebbe essere un gioco più incentrato sulla trama o addirittura un remaster di un titolo classico.
Forse Activision potrebbe semplicemente rivedere la sua politica di rilascio annuale, in modo da mantenere sempre alto il livello delle proposte.
Fonte: thegamer.comStar Citizen: anno record per il crowdfundingStar Citizen non mostra segni di rallentamento, in termini di raccolta fondi da parte dei giocatori. In effetti, l’anno scorso potrebbe essere stato l’anno più importante, per il gioco spaziale in crowdfunding.
I dati condivisi dal team dietro Star Citizen sembrano mostrare che il progetto multigiocatore ha guadagnato circa 47,7 milioni di dollari dal crowdfunding nel 2019. Questo è un aumento di oltre il 26% rispetto all’anno precedente. Combinato con 46 milioni di dollari in investimenti privati ??dal 2018, il creatore Chris Roberts e il suo team presso Roberts Space Industries (RSI) hanno raccolto 131,5 milioni di dollari stimati negli ultimi due anni.
Lanciato come campagna Kickstarter nel 2012, il progetto Star Citizen ha due prodotti principali. Il primo, chiamato Persistent Universe (PU), è un’esperienza simile a un MMO che è attualmente riproducibile, sebbene in uno stato pre-alfa incompleto. Il secondo, un gioco per giocatore singolo chiamato Squadron 42, dovrebbe entrare in beta entro la fine dell’anno e includerà i talenti della recitazione di Mark Hamill, Gillian Anderson, Henry Cavill e altri. Entrambi i prodotti sono disponibili per la vendita sul sito web RSI, dove è possibile partecipare all’azione per un minimo di 45 dollari.
Tuttavia, RSI vende molto più di un semplice gioco. Offre anche una flotta di astronavi virtuali, alcune delle quali costano diverse centinaia di dollari. È attraverso le vendite di queste navi che si guadagna la maggior parte del reddito di RSI.
Il progetto Star Citizen rimane ad oggi il progetto di crowdfunding più redditizio di sempre.

Fonte Fastweb.it

Calendario Notizie

Agosto: 2021
L M M G V S D
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031