Argentina: scontri polizia-manifestanti, intervento deputati

Gli incidenti tra le forze
dell’ordine e i manifestanti che protestano contro la legge
Omnibus fuori dal Congresso argentino a Buenos Aires sono
iniziati quando la polizia ha insistito per far rispettare il
protocollo anti-picchettaggio che vieta l’interruzione della
circolazione stradale.
    Si sono registrati scontri tra i militanti e la polizia, che
ha usato proiettili di gomma, gas lacrimogeni, idranti e
manganelli per indurre i manifestanti a spostarsi sulla piazza o
sul marciapiede. Diversi deputati della sinistra, del
kirchnerismo e di altri settori dell’opposizione, tra questi
Maximo Kirchner, sono usciti dall’aula per raggiungere i
militanti e capire cosa stesse succedendo.
    Poco prima i blocchi progressisti avevano chiesto di
interrompere la discussione della legge Omnibus fino alle 21 ora
locale (l’1 in Italia) a causa delle tensioni. La pausa non è
stata concessa e molti deputati avevano lasciato l’aula, per
tornarvi poco più tardi.
    Il canale televisivo C5N ha riferito che la polizia ha
sparato proiettili di gomma contro i giornalisti e che uno dei
suoi cronisti è stato ferito.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Fonte Ansa.it

Calendario Notizie

Marzo 2024
L M M G V S D
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031